Accesso alla DRPLA

Unisciti a noi!

Gli iscritti alla nostra comunità riceveranno aggiornamenti sui nostri progressi riguardo una cura per la DRPLA. I membri della comunità possono anche connettersi e condividere le risorse con altre famiglie DRPLA.

Paziente e Caregiver

CureDRPLA sta investendo in una serie di progetti nella speranza di sviluppare rapidamente nuove terapie per la DRPLA. La motivazione principale che ci spinge è il tempo, e quindi stiamo lavorando strategicamente con partner accademici e commerciali per trovare dei trattamenti DRPLA il più rapidamente possibile. Di seguito troverai una descrizione sommaria dei progetti sponsorizzati da CureDRPLA.

Progetti preclinici

I progetti preclinici sono progetti di ricerca che hanno luogo prima che i test clinici possano iniziare. Essi mirano a far progredire la conoscenza delle malattie, per esempio trovando e testando potenziali terapie in modelli cellulari e animali.

Gli individui affetti da DRPLA hanno un’espansione CAG nel gene Atrofina-1 (ATN1), questa mutazione provoca una proteina ATN1 anormale che si accumula nelle cellule e alla fine porta alla DRPLA (fai clic qui ​per saperne di più sulla DRPLA). La nostra modalità terapeutica primaria di interesse è quella di ridurre i livelli di ATN1 nei pazienti.

  • La dott.ssa Ross della Weill Cornell Medicine ha raccolto biopsie cutanee da 16 pazienti con DRPLA. Il suo team ha riprogrammato queste cellule della pelle in cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC), il che significa che queste cellule sono ora in grado di svilupparsi in diversi tipi di cellule (ad esempio cellule del cervello – neuroni). Le iPSC derivate dai pazienti saranno utilizzate come strumento per comprendere e modellare la DRPLA e anche per sviluppare e testare farmaci.
  • La terapia antisenso è emersa come una strategia eccitante e promettente per il trattamento di vari disturbi neurodegenerativi (cioè atrofia muscolare spinale, distrofia muscolare di Duchenne). Gli oligonucleotidi antisenso (ASO) possono bloccare la capacità di un certo gene di produrre una proteina. Gli ASO potrebbero prevenire l’aggregazione della proteina ATN1 nella DRPLA e quindi invertire o fermare la progressione della DRPLA. Il dott. Giovanni Stevanin (Institut du Cerveau) e il dott. Manolis Fanto (King’s College London) stanno testando l’efficacia degli ASO in linee cellulari umane, comprese le iPSC derivate dai pazienti.
  • Il dott. Timothy Yu (Boston Children’s Hospital) e il dott. Vik Khurana (Harvard Medical School) stanno generando ASO capaci di ridurre i livelli di ATN1 umano. I migliori candidati ASO saranno ulteriormente convalidati nelle iPSC derivate da pazienti per indagare se il fenotipo DRPLA in queste cellule può essere invertito o impedito dal trattamento ASO.
  • Le siRNA sono piccole molecole che interferiscono con l’espressione di geni specifici e impediscono la formazione di proteine. Le siRNA specifiche per la DRPLA potrebbero prevenire l’aggregazione della proteina ATN1 e quindi invertire o fermare la progressione della DRPLA. Il dott. Khvorova della University of Massachusetts sta sviluppando delle siRNA che prendano di mira ATN1.
  • Inoltre, Ionis Pharmaceuticals ha un programma di ricerca avanzato che ha come obiettivo ATN1 per il trattamento della DRPLA. Ionis sta lavorando duramente per valutare le molecole nella speranza di identificare un candidato umano che potrebbe infine essere avanzato nella clinica nei prossimi due anni.

Comprendere l’impatto della DRPLA

CureDRPLA e Ataxia UK stanno lavorando a stretto contatto con la comunità DRPLA per raccogliere maggiori informazioni sull’impatto della DRPLA sugli individui affetti, i loro parenti e i loro caregiver. CureDRPLA ha ingaggiato Casimir per condurre interviste qualitative con otto caregiver DRPLA e due pazienti per capire i sintomi, la storia naturale, l’impatto sulla funzione del paziente e la qualità della vita, e gli input sui risultati che sono importanti e rilevanti per loro. Sei caregiver hanno riportato i risultati di due o più membri della famiglia, risultando nelle descrizioni di 19 individui affetti. I risultati di queste interviste saranno pubblicati nel 2021.

CureDRPLA e la National Ataxia Foundation hanno organizzato uno sviluppo dei farmaci incentrata sul paziente e guidata da esperti esterni (EL-PFDD) che ha permesso alla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti di ascoltare direttamente i pazienti, le loro famiglie, i caregiver e i sostenitori dei pazienti. La comunità DRPLA ha riferito quali sono i sintomi più importanti per loro, l’impatto che la malattia ha sulla vita quotidiana dei pazienti e le aspettative dei pazienti sui trattamenti futuri. Puoi accedere al replay qui. NAF e CureDRPLA hanno preparato un rapporto che riassume tutti i feedback raccolti in questa riunione. Il rapporto può essere consultato qui. Le future richieste di approvazione sulla terapia useranno il rapporto come riferimento per valutare l’efficacia del trattamento.

Studio sulla storia naturale e sui biomarcatori DRPLA (DRPLA NHBS)

CureDRPLA e Ataxia UK stanno coordinando il DRPLA NHBS. Questo studio raccoglierà informazioni sulla salute degli individui DRPLA per tre anni per capire come questa condizione si sviluppa nel tempo. Questo progetto mira a caratterizzare la storia naturale della DRPLA sia nei giovani sia negli adulti. La partecipazione a questo studio comporterà appuntamenti annuali presso le cliniche dove il neurologo farà alcune valutazioni cliniche (ad esempio scale di atassia, risonanza magnetica cerebrale, raccolta di sangue, ecc.)

I biomarcatori sono molecole biologiche che si trovano nel sangue, in altri fluidi o nei tessuti che sono un segno di un processo normale o anormale, e possono anche riflettere uno stato di malattia. Questo studio mira anche a identificare fattori genetici e biomarcatori che potrebbero predire la progressione della malattia, e fornirà una piattaforma per supportare la progettazione e la conduzione di studi clinici in futuro.

Questo studio avrà centri nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Giappone. Questi sono i clinici che recluteranno i pazienti per partecipare a questo studio:

Prof.ssa Paola Giunti – University College London (UK)
Prof. Henry Houlden – University College London (UK)
Dott. Yael Shiloh-Malawsky – University of North Carolina (USA)
Dott.ssa Heather Lau – NYU Grossman School of Medicine (USA)
Dr. Susan Perlman – UCLA Medical Center (USA)
Prof. Shoji Tsuji – University of Tokyo (Giappone)
Prof. Hidehiro Mizusawa – National Centre of Neurology and Psychiatry (Giappone)
Dott. Osamu Onodera – Niigata University (Giappone)
Dott. Yukitoshi Takahashi – NHO Shizuoka Institute of Epilepsy and Neurological Disorders (Giappone)
Dott. Masayuki Sasaki – National Centre of Neurology and Psychiatry (Giappone)

I campioni biologici saranno raccolti anche da pazienti in altri paesi che non possono viaggiare (o non vogliono viaggiare) verso un centro di studio. Se vuoi saperne di più su questo studio e scoprire se puoi partecipare, contatta la dott.ssa Silvia Prades (spradesabadias@ataxia.org.uk).

Siti informativi e gruppi di supporto

Organizzazioni/gruppi di supporto

Rare Connect https://www.rareconnect.org

Global Genes globalgenes.org

The National Ataxia Foundation ataxia.org/about-naf

Gruppo di supporto per l’atassia livingwithataxia.org

Ataxia UK https://www.ataxia.org.uk

Siti d’informazione

NIH – Genetics Home Reference
https://ghr.nlm.nih.gov/condition/dentatorubral-pallidoluysian-atrophy#

OMIM® – Online Mendelian Inheritance in Man
https://www.omim.org/entry/125370

National Centre for Biotechnology-Gene Review https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK1491/

GARD – GARD – Genetic and Rare Diseases Information Centre
https://rarediseases.info.nih.gov/diseases/5643/dentatorubral-pallidoluysian-atrophy

Canali YouTube

 Canale Cure Disease Kuri

あやとわかの大好きチャンネル~

Registro globale dei pazienti CureDRPLA

Il registro globale dei pazienti CureDRPLA mira a raccogliere dati su quanti più pazienti DRPLA possibile. Ai partecipanti verrà chiesto di completare una serie di questionari dopo l’iscrizione con richieste di aggiornamenti annuali via email. I dati raccolti includono informazioni demografiche e di contatto dei partecipanti, dettagli sulla diagnosi, stato di mobilità funzionale, economia sanitaria, storia medica e attività della vita quotidiana.